Colleferro, il sindaco: "Ragazzo vittima di pestaggio è fuori pericolo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Colleferro, il sindaco: "Ragazzo vittima di pestaggio è fuori pericolo"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il ragazzo vittima dell'aggressione e del pestaggio ieri a Colleferro "è fuori pericolo. Questa è la news più bella". Il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, all'Adnkronos si esprime così sulle condizioni del 17enne dopo l'aggressione avvenuta ieri a Colleferro ai danni di un diciasettenne di Segni e per la quale sono scattati due fermi, due ragazzi di 18 e 19 anni con l'accusa di lesioni gravissime. 

"Sono uscito ora dall'ospedale, accompagnato dall'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’amato. Ho trovato il ragazzo meglio rispetto a ieri, mi dicono che la prognosi è stata sciolta ed è fuori pericolo. Questa la notizia più bella. Ci ho parlato un po', mi ha detto che gli aggressori li conosceva, li aveva conosciuti in palestra", dice Sanna. 

Dopo la brutale uccisione di Willy Monteiro, Colleferro è ancora al centro di fatti di cronaca nera. "Dopo Willy, sì, è un ritorno al passato nefasto, ma almeno questa volta è andata meglio - dice il primo cittadino - Sarei uno stupido se volessi fare una difesa d'ufficio del mio territorio, due episodi così gravi a distanza di 7 mesi sono troppi e vanno condannati. Ma non credo sia per colpa di una mancanza di sicurezza. Questa volta è successo in pieno giorno, in centro e le forze dell'ordine sono intervenute in 5 minuti. Non si può militarizzare un paese". 

Sul perché di tale violenza, il sindaco è convinto che sia "un tema di valori che mancano, di solitudine, punti deboli che il covid ha acuito ulteriormente. Le scuole chiuse, lo sport, i teatri e le biblioteche chiuse e alcuni ragazzi si abbandonano alla folle idea di menare le mani. Un'idea sbagliata, che va condannata senza mezzi termini. Noi abbiamo inventato l'Umanesimo, di sicuro ora non possiamo pretendere che questi siano i tempi della fioritura, ma nemmeno cosi oscuri", conclude. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002