Riaperture, Garattini: "Ok pensarci ma temo sia prematuro" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Riaperture, Garattini: "Ok pensarci ma temo sia prematuro"

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

 

"Bisogna stare attenti che le riaperture non siano premature. E' certamente giusto pensare a questa fase, ma non dimentichiamo che ad oggi abbiamo 500mila persone attualmente positive e ancora quasi 400 morti giornalieri. Nella prima ondata questi numeri erano molto più bassi" quando si è cominciato a riaprire. "Penso che tutto questo parlare di riaperture sia ragionevole. Però attenzione: perché c'è una fascia di popolazione attenta ma un'altra parte non lo è, e lo vediamo tutti i giorni". E' il monito di Silvio Garattini, presidente dell'Istituto Mario Negri.  

"Se temo assembramenti? Basta vedere vicino a certi bar intorno alle 17, prima che chiudano davanti ai locali si trovano molte persone tutte insieme, che bevono e parlano senza mascherina - spiega all'Adnkronos Salute - Tutto questo non giova. Io penso che abbiamo avuto avvertimenti: guardiamo alla Sardegna, passata dal bianco al rosso. Gli italiani non sono molto obbedienti e attenti. Ci sono anche tante ragioni sociali, c'è l'insofferenza di continuare una vita di questo tipo e un problema di tensioni sociali. Ma non vedo una grande propaganda e una comunicazione adeguata finalizzata a fare in modo che la gente stia attenta".  

"Se fossi Draghi cercherei di ottenere più vaccini possibile molto presto. E' importante: se infatti avessimo cominciato a vaccinare intensamente a dicembre, come la Gran Bretagna, oggi avremmo molti meno dei 55mila morti avuti da dicembre a oggi. Ne avremmo risparmiati molti", conclude Garattini. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002