Covid, procura Roma indaga su siringhe ordinate da Arcuri - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Covid, procura Roma indaga su siringhe ordinate da Arcuri

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Dopo la Corte dei Conti anche la Procura di Roma indaga sulle oltre 157 milioni di siringhe di precisione "luer lock" comprate dall'ex commissario Domenico Arcuri e pagate circa 10 milioni di euro. Il fascicolo affidato al pm Antonio Clemente è senza indagati né ipotesi di reato. 

L’indagine è partita dopo un esposto presentato dal parlamentare europeo di Fratelli d'Italia, Enzo Rivellini. "L'acquisto programmabile e non emergenziale è, certo, una vicenda degna di attenzione – scrive nell’esposto l’avvocato Luigi Ferrandino che assiste il deputato - Il costo delle siringhe 'luer lock' pagato dalla struttura commissariale è risultato decisamente più alto delle normali siringhe che in tutto il mondo si stanno usando". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002