Avellino, ucciso a coltellate: fermati figlia e fidanzato - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Avellino, ucciso a coltellate: fermati figlia e fidanzato

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Un uomo di 53 anni è stato ucciso nella sua abitazione ieri sera ad Avellino. Per l'omicidio sono stati fermati la figlia e il fidanzato di lei. Il delitto è avvenuto mentre in casa erano presenti la moglie e l'altra figlia della vittima. Sono loro ad aver chiamato il 118 dopo aver trovato l'uomo in un lago di sangue, accoltellato più volte. I sanitari lo hanno trasportato d'urgenza all'ospedale Moscati ma per lui non c'è stato niente da fare. Nel frattempo nell'abitazione in corso Vittorio Emanuele, nel centro di Avellino, sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato, trovando le due donne in stato di choc.  

Le indagini avviate dalla Squadra Mobile della Questura di Avellino e coordinate dalla Procura irpina si sono subito concentrate sulla figlia, non presente nell'abitazione all'arrivo degli agenti, e sul fidanzato di quest'ultima, un 22enne di Cervinara, paese della provincia. I due avevano infatti avuto diverbi con il padre di lei, che non approvava la loro relazione. I poliziotti si sono recati nell'abitazione del ragazzo a Cervinara, trovando sia lui che la figlia 18enne della vittima. 

Entrambi sono stati sottoposti a fermo per omicidio volontario. Ancora da accertare l'eventuale premeditazione, ipotesi inizialmente battuta dagli investigatori; l'omicidio potrebbe essere scaturito da un'ultima, violenta discussione. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002