Ischia, Vigili del fuoco al lavoro anche stanotte per cercare i dispersi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mar, Feb

Ischia, Vigili del fuoco al lavoro anche stanotte per cercare i dispersi

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - (dall'inviata Elvira Terranova) - I Vigili del fuoco si preparano a un'altra notte di lavoro a Casamicciola. A mani nude cercano le cinque persone che ancora mancano all'appello.

alternate text

 

Dopo il ritrovamento dei sette cadaveri, tra cui una neonata trovata tra le braccia della sua mamma, si continua a scavare. "Stanotte le nostre squadre continueranno a cercare, soprattutto nel punto in cui è stata trovata la bambina con il ragazzo - spiega all'Adnkronos il capo della Comunicazione dei Vigili del fuoco, Luca Cari, che da ieri segue da vicino l'evolversi della situazione -E' molto probabile che in quel punto ci siano gli altri dispersi". Ma è complicato "perché quella zona si raggiunge solo a piedi - spiega Cari - Non possono arrivare né mezzi né ruspe e neppure escavatori. Si può raggiungere solo a piedi". Poi aggiunge: "Abbiamo cominciato a liberare le strade per consentire il passagio dei mezzi di soccorso, ma qui non riusciamo a usare bobcat o escavatori". Dunque, i vigili del fuoco stanno portando sul luogo "attrezzature da taglio più pesanti, perché ci sono dei solai e dei tetti di cemento, ed è tutto sommerso dal fango". Nella notte le difficoltà "sono ancora maggiori, è complicato muoversi, perché il fango è molto alto e si affonda", dice ancora Luca Cari.  

In questi giorni, i Vigili del fuoco hanno anche usato gli esperti Tas, Topografia applicata al soccorso. "Con i droni è stata fatta una mappatura dell'area della frana - dice Luca Cari - Hanno sovrapposto le immagini vecchie con quelle attuali, per capire quali siano le case che non ci sono più perché portate via dalla frana". Sono almeno le case trascinate o sommerse dal fango. La zona più colpita è lungo la via Celario, sopra Casamicciola terme.  

"Abbiamo subito cominciato a concentrarci sulle ricerche dei dispersi - dice Luca Cari - su quella via abbiamo trovato ieri subito la ragazza di 31 anni, e oggi abbiamo trovato una bambina un ragazzo di 16 anni, forse il fratello, si presume siano loro", perché ancora non c'è stato il riconoscimento ufficiale. "Abbiamo recuperato nella casa attaccata a monte una mamma con il neonato di 20 giorni, lo teneva stretto in braccio. Poi, un uomo, una donna". Alla fine i morti accertati sono sette. E cinque i dispersi. 

Sono in tutto 150 i vigili del fuoco al lavoro, coordinati dal Comandante di Napoli, Adriano De Acutis. "Ma non sono impegnati solo sulle operazioni di ricerca -dice Luca Cari - stiamo portando anche assistenza popolazione e recupero dei beni". Non solo. I sommozzatori da stamattina "hanno cominciato a fare immersioni per verificare se c'è qualcuno nelle autovetture trascinate e domani inizieremo ricerca strumentale, con ecoscandagli per verificare se troviamo altri corpi".  

Tutto il movimento di uomini e mezzi è coordinato dal Centro operativo nazionale al Viminale, con i vertici dei Vigili del fuoco, a partire dal Capo dipartimento Laura Lega, al capo del Corpo Guido Parisi e il direttore centrale per l'emergenze Marco Ghimenti.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.