Coronavirus, Viminale: "Ordinanze Regioni non coerenti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Sab, Ott

Coronavirus, Viminale: "Ordinanze Regioni non coerenti"

Coronavirus, Viminale: "Ordinanze Regioni non coerenti"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ministro dell’Interno, autorità nazionale di Pubblica Sicurezza, sta predisponendo una direttiva indirizzata a tutti i Prefetti per dare attuazione uniforme e coordinata alle disposizioni varate con Dpcm dell’8 marzo per contenere la diffusione del coronavirus che investono profili di ordine e sicurezza pubblica. Lo comunica il Viminale in una nota. 

Coronavirus, Viminale:
Coronavirus, Viminale: "Ordinanze Regioni non coerenti"

 

"Pertanto - si legge - ferma restando l’autonomia di ciascun Ente nelle materie di competenza nei limiti della legislazione vigente, non risultano coerenti con il quadro normativo le ordinanze delle Regioni contenenti direttive ai Prefetti, che, in quanto Autorità provinciale di Pubblica Sicurezza, rispondono unicamente all’Autorità Nazionale.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002