Coronavirus, le regole per i bimbi: "Amichetti no, giretto sì" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

Coronavirus, le regole per i bimbi: "Amichetti no, giretto sì"

Coronavirus, le regole per i bimbi: "Amichetti no, giretto sì"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I bambini sono fortunatamente protetti dal rischio di sviluppare quadri gravi" di infezione da coronavirus.

Coronavirus, le regole per i bimbi:
Coronavirus, le regole per i bimbi: "Amichetti no, giretto sì"

 

"Nessun paziente sotto i 30 anni è stato vittima di eventi fatali. Voglio rassicurare i genitori", sottolinea in un'intervista al 'Corriere della Sera' il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), Franco Locatelli. "Però anche i piccoli possono essere fonte di contagio per la famiglia e i nonni - ricorda il pediatra, oncoematologo dell'ospedale Bambino Gesù di Roma - E' stato questo il razionale della chiusura delle aule" e, ora che i bimbi sono a casa da scuola, lo specialista spiega alle famiglie cosa possono fare e cosa no.  

Innanzitutto, raccomanda Locatelli, esperto del Comitato tecnico-scientifico attivato sull'emergenza Covid-19, "bisogna abolire gli eventi ludici dove si ricreano condizioni cui abbiamo voluto sottrarre i bimbi tenendoli a casa". Per lo stesso motivo "non devono incontrare amichetti - prosegue - La passeggiatina sì, limitata e sempre nel rispetto del distanziamento sociale", ma "non baciateli". Infine "fare molta attenzione a segnali di possibili infezioni come tosse, febbre alta o banali raffreddori". 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002