Coronavirus, l'appello: "Dentisti si limitino a urgenze" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Coronavirus, l'appello: "Dentisti si limitino a urgenze"

Coronavirus, l'appello: "Dentisti si limitino a urgenze"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Un invito a tutti i dentisti italiani a "collaborare per evitare i contatti tra i cittadini in modo da contenere l'epidemia di Covid-19, limitando i trattamenti alle urgenze non rimandabili, da effettuarsi dopo attento triage telefonico".

Coronavirus, l'appello:
Coronavirus, l'appello: "Dentisti si limitino a urgenze"

 

E' l'appello rivolto, in una lettera aperta, dal presidente della Commissione albo odontoiatri (Cao) della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e odontoiatri (Cao/ Fnomceo), Raffaele Iandolo. 

“È assolutamente prioritario che la categoria tutta si metta a disposizione della collettività per evitare a tutti i costi che le persone si incontrino – scrive Iandolo ai colleghi - Solo così potremo sconfiggere il virus. Solo i trattamenti urgenti non rimandabili possono, dopo apposito triage telefonico, essere praticati in questo periodo. I colleghi che si discosteranno da questo comportamento potrebbero essere oggetto di rilievi etici e deontologici". 

Ma non basta: Iandolo chiede allo Stato di indennizzare i liberi professionisti "per l'evidente danno subito" e, soprattutto, di "garantire la possibilità di conservare in organico tutti i dipendenti degli studi", tramite agevolazioni fiscali e previdenziali e l’estensione anche ai collaboratori degli studi dell'Istituto della Cassa Integrazione. A emergenza finita, "verranno i giorni delle giuste e appropriate motivazioni che ci porteranno a richiedere ed ottenere le misure assistenziali necessarie ad un ritorno alla normalità in condizioni ottimali. Ed il nostro ente di previdenza non si tirerà indietro nell'ascoltarci ed assisterci nei limiti che le necessarie modifiche regolamentari – di competenza governativa – definiranno", fa presente ancora Iandolo. Che ammonisce: "Oggi è il giorno del sacrificio, della riflessione e della ricerca delle soluzioni, rispetto a questa guerra mondiale da vincere presto e bene".

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002