Coronavirus, Mantovani: "Fiducioso che presto raggiungeremo picco" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Sab, Set

Coronavirus, Mantovani: "Fiducioso che presto raggiungeremo picco"

Coronavirus, Mantovani: "Fiducioso che presto raggiungeremo picco"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sono fiducioso che presto raggiungeremo il picco. Ma bisogna continuare a seguire le indicazioni e restare a casa".

Coronavirus, Mantovani:
Coronavirus, Mantovani: "Fiducioso che presto raggiungeremo picco"

 

A dirlo, ospite di 'Circo Massimo' su Radio Capital, l'immunologo Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas, parlando dell'emergenza coronavirus. "Bisogna prendere tutte le misure come cittadini e sostenere chi è sulla linea del fronte, dove ci sono persone che si comportano in modo eroico", ha proseguito. 

"Sul vaccino ci sono venti cavalli che corrono, fra cui un italiano. Sono ottimista che avremo un vaccino, ma i tempi non sono e non possono essere brevi. Serve almeno un anno", sottolinea Mantovaniche, quanto ai farmaci, dice: "Vengono utilizzati giustamente in modo empirico, perché non abbiamo avuto il tempo di saggiarne l'efficacia in studi clinici. Avremo nuovi farmaci, tutto il mondo sta lavorando, ma abbiamo bisogno di tempo per sperimentarlo".  

"È stata una sottovalutazione grave quella di dire che è solo un'influenza. Conosciamo questo nemico in modo imperfetto, e non lo conosciamo come comunità. Non abbiamo mai visto niente del genere", ha detto ancora l'immunologo aggiungendo: "Incertezza è la parola chiave. Non conosciamo il nemico. Non sappiamo se gli anticorpi sono protettivi, o almeno non ne siamo sicuri. Il nostro problema adesso è uscire dalla situazione di emergenza".

 

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002