Coronavirus, Gallera: "Assenteisti tradiscono la loro missione" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Dom, Ott

Coronavirus, Gallera: "Assenteisti tradiscono la loro missione"

Coronavirus, Gallera: "Assenteisti tradiscono la loro missione"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Di Paola Olgiati

Coronavirus, Gallera:
Coronavirus, Gallera: "Assenteisti tradiscono la loro missione"

 

"Chi nelle strutture sanitarie si sottrae al proprio lavoro", sul campo in prima linea contro l'emergenza coronavirus, "tradisce la missione alla quale si è votato" scegliendo una professione in corsia e "fa male a un'Italia che oggi dimostra di essere fatta di tanti uomini coraggiosi". L'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, la guerra alla Covid-19 la combatte instancabile da quasi un mese e commenta così all'AdnKronos Salute la denuncia sugli 'Schettino in camice bianco', che all'ospedale Cardarelli di Napoli si sono messi in malattia lasciando i colleghi da soli. Allarme lanciato dal direttore del Dipartimento di Emergenza del nosocomio.  

Ma il fenomeno non è solo campano. "Anche noi, in Lombardia - riferisce Gallera - abbiamo avuto segnalazioni non da ospedali, ma da alcune Rsa", Residenze sanitarie assistenziali, "che registrano un grosso calo di personale" tra le file degli operatori socio sanitari "Oss e infermieristici. Personale che presenta certificati medici, a volte reiterati, senza risultare positivo" al contagio "o in quarantena. Penso che questo - ammonisce il titolare della Sanità lombarda - sia un momento in cui la battaglia la vinciamo soprattutto con un grande senso di responsabilità individuale": un impegno chiesto "al cittadino, che deve restare a casa", e "a tutti coloro che svolgono un servizio di pubblica utilità nelle strutture sanitarie: essere in campo per svolgere la professione che hanno scelto è un dovere". Altrimenti non si può che essere definiti "irresponsabili", cattivo esempio di "un atteggiamento non coerente con l'impegno che il Paese chiede a tutti in questo difficile momento".

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002