Clerkenwell Design Week 2024: installazioni immersive, progetti speciali e design sostenibile
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Dom, Apr

Clerkenwell Design Week 2024: installazioni immersive, progetti speciali e design sostenibile

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Dal 21 al 23 maggio 2024, Londra sarà nuovamente il palcoscenico della Clerkenwell Design Week (CDW), giunta alla sua tredicesima edizione. Questo evento, ormai un appuntamento imperdibile nel calendario dei professionisti

del design, ha un'offerta ancora più ricca e variegata, grazie all'apertura di nuovi spazi espositivi, showroom e installazioni site-specific in tutto il quartiere EC1, cuore pulsante della creatività e dell'innovazione. Con una rete di oltre 160 showroom locali e 300 marchi espositori, distribuiti in più di 12 location uniche, CDW si conferma come una delle manifestazioni più importanti a livello internazionale nel campo del design. 

 

Una delle caratteristiche distintive di questa edizione sarà la presenza di installazioni site-specific che decoreranno le strade e gli spazi espositivi di Clerkenwell, offrendo ai visitatori un'esperienza immersiva senza precedenti. Tra queste, spicca "Stay Playful (When No One Feels Like Playing)" di 2LG Studio, un'installazione che celebra il decimo anniversario dello studio con un omaggio ludico e colorato, ispirato ai ricordi d'infanzia dei suoi fondatori. Situato a Spa Fields, l'installazione trae ispirazione dai loro primi anni di attività, quando Jordan Cluroe lavorava in un luna park del Black Country Living Museum e sui ricordi infantili di Russell Whitehead per le decorazioni kitsch provenienti dalla casa della nonna.  

 

Nel suggestivo contesto della House of Detention, l'artista londinese Ben Cullen Williams catturerà l'attenzione del pubblico con "Grid System", un'installazione audiovisiva che esplora l'impatto della griglia sui nostri spazi fisici e sulla vita quotidiana. Dopo aver collaborato in precedenza con artisti del calibro di Marina Abramović, Wayne McGregor e l'esploratore polare Robert Swan, Williams ha esposto le sue opere in gallerie e spazi internazionali, tra cui il Musée d'Eté, il Sadler's Wells e il Teatro Bolshoi. 

 

L'attenzione verso la sostenibilità è al centro di "Brick from a Stone", un progetto di Albion Stone e Hutton Stone che, attraverso la collaborazione con lo studio di architettura londinese Artefact, mette in luce l'innovativo processo a basso impatto energetico per la produzione di mattoni in pietra naturale. Questa installazione non solo dimostra l'impegno verso pratiche più sostenibili ma anche il legame profondo con la tradizione e il territorio. 

 

Il festival sarà anche l'occasione per celebrare la creatività degli studenti di design della London Metropolitan University, che sotto la guida di Benchmark, hanno trasformato oggetti di scarto in nuovi prodotti di design. Il progetto "Aldgate Gold" rappresenta un esempio concreto di come il design sostenibile possa dare nuova vita a materiali dimenticati. 

 

Infine, non mancheranno collaborazioni speciali come quella tra Duffy London e Orsi Orban, che con "Gatekeepers" trasformeranno l'iconica St John's Gate in un'opera d'arte dinamica e ispirata alla natura, dimostrando come il design possa interagire armoniosamente con l'ambiente circostante. Ispirata alle forme organiche presenti in natura, una serie di sculture evocano un senso di movimento dinamico, come se fossero pronte a prendere vita. 

Durante la CDW, Schotten & Hansen e Kit Kemp Design Studio presenteranno invece il Mythical Forest Salon, una collaborazione creativa che ha dato vita ad uno spazio immersivo che esplora sempre nuovi modi di manipolare il legno; mentre lo studio di architettura e interior design Jestico + Whiles collaborerà con il vicino showroom Bolon per un progetto che occuperà il cortile di Sutton Yard, nel cuore di Clerkenwell, completato dall'illuminazione di Studio Fractal e Architainment. Ed infine Connection, una nuova serie di opere di Lois O'Hara e Ronnie Chapple, che si troveranno su uno dei muri di mattoni vicino alla House of Detention. Avventurandosi nel mondo delle opere tridimensionali e scultoree, questo lavoro dei due artisti multidisciplinari di Brighton mira a incoraggiare l'interazione e la conversazione. Con oltre 600 eventi curati, più di 160 showroom e 300 marchi espositori, il festival promette di offrire un'esperienza unica e immersiva, evidenziando l'impegno dei designer e delle aziende partecipanti verso innovazione e responsabilità ambientale. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.