Coronavirus, Gallera: "In guardia ancora per mesi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Coronavirus, Gallera: "In guardia ancora per mesi"

Coronavirus, Gallera: "In guardia ancora per mesi"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Non possiamo abbassare l'attenzione per molti mesi, bisogna evitare che il virus trovi altri corpi da infettare.

Coronavirus, Gallera:
Coronavirus, Gallera: "In guardia ancora per mesi"

 

Tra qualche settimana, se le cose vanno bene, ricominceremo ma dovremo abituarci ad un modo di vita un po' diverso; probabilmente dovremo girare con la mascherina, tavoli più distanziati al ristorante. Ora però dobbiamo dedicarci a soffocare il virus". Sono le parole di Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, a Mattino Cinque. 

"I dati nazionali risentono del dato lombardo e in Lombardia stiamo notando una flessione dei casi e della pressione sui poronto soccorso e sulle ambulanze. Negli ultimi 4 giorni è cambiato molto, quello che stiamo facendo sta funzionando. All'ospedale Sacco hanno avuto 39 accessi per coronavirus venerdì, 7 sabato e 9 domenica: è un singolo caso, ma il calo della pressione c'è. Nelle altre regioni sono indietro di circa 10 giorni rispetto alla Lombardia, ma spero siano ancora più attente avendo visto cosa è successo in Lombardia", aggiunge. 

Capitolo farmaci: "Negli ultimi giorni sono arrivati e stanno arrivando. In questo tsunami abbiamo vissuto anche il dramma relativo ai farmaci necessari per tenere sedati i pazienti in terapia intensiva. Le scorte ci consentono di garantire quello che stiamo facendo, la riduzione della pressione sugli ospedali ci sta aiutando anche per quanto riguarda l'ossigeno". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002