Coronavirus, Remuzzi: "Presto avremo una cura" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Coronavirus, Remuzzi: "Presto avremo una cura"

Coronavirus, Remuzzi: "Presto avremo una cura"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Se riusciamo a capire di più di questa polmonite, che non è come le altre polmoniti interstiziali che siamo abituati a vedere in altre condizioni come il trapianto o l'Aids, allora la cura la troveremo e forse sarà una cura con qualcosa che abbiamo già.

Coronavirus, Remuzzi:
Coronavirus, Remuzzi: "Presto avremo una cura"

 

Probabilmente ce l'abbiamo già". Lo ha detto il direttore dell'Istituto Mario Negri, Giuseppe Remuzzi, a Skytg24.  

"Nell'ultima settimana - si dice convinto Remuzzi - abbiamo fatto dei progressi enormi nel capire" questa malattia. "Adesso sappiamo cosa succede e sono molto ottimista che nel giro di pochissimo riusciremo a trovare una cura per i malati più gravi, in modo da evitare la necessità di ventilazione meccanica, di ricovero in terapia intensiva o di intubazione. Ma dobbiamo essere preparati, finché questi dati non sono solidi e la cura non è provato che funziona, ad avere abbastanza presidi per tutti quelli che ne hanno bisogno".  

Sul fronte Covid-19 "fino a giugno dovremmo avere la massima attenzione e comunque mantenerla fino a settembre", spiega ancora Remuzzi facendo il punto sui tempi necessari ad eliminare ogni rischio, avvertendo che servirà "massima cautela per molto tempo, sicuramente fino all'autunno. Poi - sostiene - speriamo succeda quello che sembra stia succedendo in Cina, anche se purtroppo certezze anche lì non ne abbiamo, ovvero che il virus pian piano smetta di circolare. Anche se - osserva ancora Remuzzi - potrebbe tornare il prossimo anno, ma noi saremmo molto più attrezzati".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002