Di Pierri: "Tampone unica prova di non essere contagiosi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Ott

Di Pierri: "Tampone unica prova di non essere contagiosi"

Di Pierri: "Tampone unica prova di non essere contagiosi"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Al momento il tampone è l'unica prova che ci accerta delle presenza o meno del virus".

Di Pierri:
Di Pierri: "Tampone unica prova di non essere contagiosi"

 

Così Giovanni Di Perri, direttore Malattie Infettive Amedeo di Savoia - Torino, in collegamento con Agorà su Rai3.

"Una sierologia positiva in questa fase può essere testimonianza sia di un'infezione in corso che è nata 15 giorni fa o anche di un'infezione contratta due mesi fa - prosegue -. Quindi ci dà un'informazione sul fatto che una persona è stata sicuramente a contatto con il virus però non ci aiuta per poterla posizionare dal punto di vista cronologico. Il tampone è necessario per qualificare la persona come non contagiante".

"La risposta che attendiamo in termini di salute pubblica è quella di un vaccino: ci sono almeno dieci vaccini in sperimentazione. Considerando lo spettro clinico dell'infezione ovvero che causa casi critici in meno del 5% dei casi, potrebbe bastare anche un vaccino ad efficacia intermedia", spiega ancora Di Perri, che continua: "Uno strumento di questa portata potrebbe bastare per ricondurre questo virus alla stregua di altri virus respiratori che gestiamo spontaneamente ogni inverno".

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002