Dengue, probabile caso in provincia di Firenze
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Gio, Lug

Dengue, probabile caso in provincia di Firenze

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Un probabile caso di Dengue segnalato in provincia di Firenze. Si tratta di un caso importato segnalato all'Igiene pubblica della Zona Empolese dell'Ausl Toscana Centro. La persona - informa l'azienda sanitaria - potrebbe aver

contratto l'arbovirosi da Dengue in seguito al soggiorno in un Paese tropicale ed è residente nel Comune di Capraia e Limite (Firenze), in una zona di campagna isolata.  

Il personale dell'Igiene pubblica della Zona Empolese, a cui afferisce il Comune di Capraia e Limite, sta svolgendo il sopralluogo nei pressi dell'abitazione in cui il caso soggiorna, al fine di circoscrivere la zona in cui eseguire gli interventi di disinfestazione a titolo precauzionale. Non appena verrà concluso il sopralluogo, l'Unità di Igiene pubblica della Zona Empolese invierà la proposta di ordinanza contingibile e urgente al sindaco che è già stato avvisato e procederà al più presto con la disinfestazione. 

L'Ausl ricorda che "tutti i casi sin qui verificatisi in Toscana (più di 20 nel 2024) sono stati importati e non contratti in loco". La persona che ha contratto la malattia "si trova presso la propria abitazione - riferisce in una nota - ed è in fase di miglioramento. Su consiglio del medico curante è stata presa in carico dalle Malattie tropicali di Careggi, dove è stata valutata anche l'ipotesi alternativa del virus Oropouche, causa di una arbovirosi i cui sintomi sono sovrapponibili a quelli della Dengue, ma il cui vettore non è presente in Italia. In attesa della conferma diagnostica, si è deciso di procedere comunque con la disinfestazione a titolo appunto precauzionale". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.