Omicidio Cerciello, difesa Hjort chiede domiciliari a Fregene
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Gio, Lug

Omicidio Cerciello, difesa Hjort chiede domiciliari a Fregene

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - La difesa di Gabriele Natale Hjorth ha presentato istanza per chiedere gli arresti domiciliari per il giovane americano nei cui confronti la Corte di Appello di Roma ha ridotto la pena a 11 anni e 4 mesi nel processo per l'omicidio

del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. I difensori chiedono in particolare di far scontare la pena a Hjorth nella casa della nonna a Fregene.  

I legali di parte civile annunciano opposizione. "Stiamo già lavorando per una ferma opposizione alla richiesta di domiciliari – commenta l'avvocato Massimo Ferrandino, legale della moglie di Cerciello Rega -. Capiamo il disagio carcerario con le temperature elevate di questi giorni, ma riteniamo inopportuno mandare il condannato americano a scontare la pena a Fregene tenuto conto che non sono nemmeno state risarcite le parti civili".  

All'altro americano condannato, Lee Elder Finnegan, i giudici hanno ridotto la pena a 15 anni e due mesi di carcere. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.