Milano, trapper Shiva condannato a 6 anni e mezzo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Gio, Lug

Milano, trapper Shiva condannato a 6 anni e mezzo

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il trapper Andrea Arrigoni, in arte Shiva, è stato condannato dai giudici del tribunale di Milano a sei anni, sei mesi e 20 giorni per il reato di tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco ed esplosioni pericolose per

la sparatoria avvenuta in via Cusago, a Settimo Milanese, la sera dell'11 luglio del 2023, nel corso della quale due giovani milanesi erano stati gambizzati. L'accusa aveva chiesto 7 anni per il 24enne che, nel processo con rito abbreviato, si era difeso con lunghe dichiarazioni spontanee.  

"Rispettiamo la sentenza, non siamo contenti del risultato, ma siamo pronti ad attaccarla nelle competenti sedi di appello" è il commento all'Adnkronos del difensore, l'avvocato Daniele Barelli. "Piano piano sta emergendo la verità dei fatti e ora anche gli aggressori vengono indagati per lesioni gravissime causate a Shiva rendendoci ancora più convinti delle nostre tesi difensive, ossia che di brutale aggressione si è trattata. Comincia a essere così valutata ed è un notevole passo in avanti verso il riconoscimento delle legittimità della difesa della vita" aggiunge.  

"Andrea, da noi confortato sul punto, ha accettato la sentenza ed è certo avere giustizia nei gradi successivi. Siamo rammaricati anche che l'atteggiamento serio e rispettoso tenuto nella fase processuale non sia stato valutato positivamente, così come le dichiarazione responsabili rese nel processo e che segnano una drastica rivisitazione del passato e dei comportamenti non consoni tenuti. Ciò ci lascia basiti e stupefatti. Tanto si parla si senso critico e rivisitazione del passato da parte dei giovani e ove ciò viene fatto 'tamquam non esset' (come se non esistesse, ndr.)" conclude il legale.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.