Allarme cardiologi: "Ora rischiamo più morti per infarto che di Covid" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Allarme cardiologi: "Ora rischiamo più morti per infarto che di Covid"

Allarme cardiologi: "Ora rischiamo più morti per infarto che di Covid"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La forza dello tsunami Covid-19 potrebbe lasciarsi alle spalle una situazione che "riporta l'Italia indietro di 20 anni".

Allarme cardiologi:
Allarme cardiologi: "Ora rischiamo più morti per infarto che di Covid"

 

Già per paura del contagio e ricoveri mancati la mortalità per infarto "è triplicata" nella fase clou dell'emergenza coronavirus, secondo uno studio multicentrico nazionale. "Se la rete cardiologica non sarà ripristinata, ora che è passata questa prima fase, avremo più morti per infarto che di Covid-19". E' il monito lanciato da Ciro Indolfi, ordinario di Cardiologia all'università Magna Graecia di Catanzaro, a seguito di uno studio multicentrico nazionale, condotto in 54 ospedali, per valutare i pazienti acuti ricoverati nelle Unità di terapia intensiva coronarica (Utic), nella settimana 12-19 marzo, durante la pandemia di Covid-19, confrontando la mortalità con quella dello stesso periodo dello scorso anno. 

"L'attenzione della sanità su Covid-19 e la paura del contagio rischiano di vanificare i risultati ottenuti in Italia con le terapie più innovative per l'infarto e gli sforzi per la prevenzione degli ultimi 20 anni - incalza l'esperto - L'organizzazione degli ospedali e del 118 in questa fase è stata dedicata quasi esclusivamente a Covid-19 e molti reparti cardiologici sono stati utilizzati per i malati infettivi. Inoltre, per timore del contagio i pazienti ritardano l'accesso al pronto soccorso e arrivano in ospedale in condizioni sempre più gravi, spesso con complicazioni aritmiche o funzionali, che rendono molto meno efficaci le terapie che hanno dimostrato di essere salvavita come l'angioplastica primaria. Se questa tendenza dovesse persistere e la rete cardiologica non sarà ripristinata", l'aumento delle morti per infarto continuerà, conclude il presidente Sic invitando a non abbassare la guardia sulle malattie cardiovascolari, responsabili di circa 260mila decessi ogni anno. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002