Crisanti: "Zaia si fida di chi dice che virus è morto" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Dom, Set

Crisanti: "Zaia si fida di chi dice che virus è morto"

Crisanti: "Zaia si fida di chi dice che virus è morto"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Questo è il risultato della scelta di Zaia di affidarsi a persone che dicono che il virus è morto.

Crisanti:
Crisanti: "Zaia si fida di chi dice che virus è morto"

 

E intanto gli ospedali tornano a riempirsi". Lo dice l'epidemiologo Andrea Crisanti, capo del Comitato Tecnico scientifico del Veneto a 'Globalist'. "Si sta dando la colpa agli immigrati – dice – ma ci sono anche tantissimi italiani contagiati". "A un certo punto – spiega Crisanti al quotidiano – le esigenze politiche hanno prevalso sulle indicazioni della scienza. Era necessaria una comunicazione che invitasse a prudenza e responsabilità".

A mancare, secondo lui, è stato il modello di contact tracing efficiente che aveva reso il Veneto un esempio da seguire. "La sorveglianza attiva era un concetto che avevo proposto io - spiega - Ora la maggior parte dei tamponi è stata fatta solo tra il personale sanitario, tralasciando completamente il territorio".

Secondo Crisanti, "fino al 17 marzo le cose sono andate bene, poi lui è cambiato. Evidentemente gli ha dato fastidio la mia popolarità e ha voluto attribuire ad altri meriti che non erano loro. Ma non voglio essere associato alle cose che stanno succedendo oggi, il Veneto sta seguendo una linea opposta a quella in cui credo", conclude.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002