Coronavirus, Ricciardi: "Pensare anche a migranti cruciale per evitare nuove ondate" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Lug

Coronavirus, Ricciardi: "Pensare anche a migranti cruciale per evitare nuove ondate"

Coronavirus, Ricciardi: "Pensare anche a migranti cruciale per evitare nuove ondate"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io ho segnalato che i focolai si devono circoscrivere da qualsiasi parte vengano".

Coronavirus, Ricciardi:
Coronavirus, Ricciardi: "Pensare anche a migranti cruciale per evitare nuove ondate"

 

Quella sui migranti "è una considerazione di sanità pubblica", dettata "dall'esperienza di chi ha circoscritto l'epidemia di Covid-19. In alcuni Paesi orientali e arabi, dove la manodopera straniera è preponderante, la scelta è stata occuparsi non solo dei cittadini, ma anche dei migranti. E' così: ci si deve occupare di tutti". Lo afferma all'Adnkronos Salute Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute e docente di Igiene all'Università Cattolica.

Le sue dichiarazioni sul tema non sono passate inosservate e hanno anche suscitato qualche polemica. Per esempio una critica che viene mossa all'esperto è che chieda da un lato rigore sulle sanzioni per i cittadini che allentano le misure di precauzione non rinunciando per esempio alla movida, e proponga dall'altro lato un sussidio per gli stranieri che violano le regole.

"Non ritengo opportuno replicare a queste affermazioni - dice Ricciardi - Sono focalizzato invece sul tentativo di far evitare all'Italia situazioni come quelle che si stanno verificando in Paesi vicini al nostro. Il resto non mi interessa. Ad oggi l'epidemia pare sotto controllo solo in Italia, Austria e pochi altri Paesi. Ritengo necessario concentrarsi e lavorare per questo, per evitare che si precipiti" in nuove crisi "come quelle che stanno vivendo realtà come Spagna, Balcani, Israele".

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002