Aifa: "Gente si è comprata da sola idrossiclorochina, ma farmaco è inutile"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Ven, Lug

Aifa: "Gente si è comprata da sola idrossiclorochina, ma farmaco è inutile"

Aifa: "Gente si è comprata da sola idrossiclorochina, ma farmaco è inutile"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La tendenza agli acquisti privati" di farmaci durante la fase dell'emergenza Covid-19 "mostra alcuni aumenti e mostra persino che l'idrossiclorochina la gente se l'è comprata da sola", avendo anche "costi irrisori.

Aifa:
Aifa: "Gente si è comprata da sola idrossiclorochina, ma farmaco è inutile"

 

Spero che questo sia accaduto solo nelle prime fasi". A segnalarlo è stato il direttore generale dell'Aifa (Agenzia italiana del farmaco), Nicola Magrini, commentando alcuni dati emersi oggi alla presentazione del Rapporto sull'uso di farmaci durante l'epidemia di Covid-19.  

"Le posizioni sull'idrossiclorochina sono omogenee in tutto il mondo oggi. A parte acuti politici, nella comunità scientifica internazionale c'è consenso sulla sostanziale inutilità del farmaco. Su alcune posizioni politiche non mi soffermo, ma sui metodi e gli approcci appare importante sentirsi parte della comunità internazionale e l'Italia credo abbia figurato bene", ha sottolineato ancora Magrini, che ha poi aggiunto: "Una riflessione su una maggior capacità di fare ricerca internazionale potrebbe essere utile. Ritengo che tutti hanno guardato alle proprie emergenze e poco al di là del confine. Alcune volte invece era dalla visione europea e internazionale che si trovava conforto, come ad esempio è successo per l'idrossiclorochina", ha detto il Dg.  

"Le terapie croniche sono rimaste sostanzialmente stabili" anche durante la pandemia di Covid-19, ha aggiunto commentando il Rapporto. "Un calo" sul fronte terapie per i cronici "sarebbe stato fonte di preoccupazione - spiega - invece è emersa una sostanziale stabilità, indicativa della capacità del sistema di reagire".  

Nei tre mesi più duri - marzo, aprile e maggio - c'è stato da parte di Aifa "uno sforzo nella gestione delle carenze che erano motivo di preoccupazione e si è agito per l'estensione dei piani terapeutici per i malati cronici per evitare loro di dover andare in ospedale" durante l'emergenza Covid-19, "per le prescrizioni dei farmaci. Abbiamo infine avviato un monitoraggio real time di cui questo rapporto mostra i risultati".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002