"Cts chiese zone rosse ad Alzano e Nembro"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Sab, Lug

"Cts chiese zone rosse ad Alzano e Nembro"

"Cts chiese zone rosse ad Alzano e Nembro"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella riunione del 3 marzo il Comitato tecnico-scientifico propone di adottare misure restrittive in Valseriana, suggerendo di istituire zone rosse nei Comuni di Alzano lombardo e Nembro. Ma l’invito al governo rimarrà inascoltato.

"Cts chiese zone rosse ad Alzano e Nembro"
"Cts chiese zone rosse ad Alzano e Nembro"

 

Lo rivela l'Eco di Bergamo sulla base del verbale di quella riunione, reso pubblico dal consigliere regionale della Lombardia Niccolò Carretta.  

"Il Comitato propone di adottare le opportune misure restrittive già adottate nei comuni della zona rossa - si legge nel documento - anche in questi due comuni, al fine di limitare la diffusione dell’infezione nelle aree contigue". Sono Alzano Lombardo e Nembro i due comuni a cui si fa riferimento nel verbale ufficiale numero 16, redatto martedì 3 marzo al termine della riunione del Cts.  

Il 5 marzo - ricostruisce l'Eco di Bergamo - in provincia di Bergamo arrivano 250 tra poliziotti, carabinieri e uomini della Guardia di Finanza pronti a blindare i due Comuni della Valseriana. Non entreranno mai in azione. Lo schieramento era stato deciso dopo due giorni di intensi confronti tra Regione, Iss, comitato tecnico scientifico e governo. Dal verbale emerge la posizione netta degli esperti, che consigliavano l’istituzione della zona rossa: "I due comuni - si legge ancora - si trovano in stretta prossimità di Bergamo e hanno una popolazione rispettivamente di 13.639 e 11.522 abitanti. Ciascuno dei due paesi ha fatto registrare attualmente oltre 20 casi, con molta probabilità ascrivibili ad un’unica catena di trasmissione. Ne risulta, pertanto, che l’R0 è sicuramente superiore a 1, il che costituisce un indicatore di altro rischio di ulteriore diffusione del contagio", sottolineavano gli esperti. Ma le zone rosse non furono istituite. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002