Coronavirus, Zaia: "Nuova ordinanza per chi arriva dall'estero" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Lun, Dic

Coronavirus, Zaia: "Nuova ordinanza per chi arriva dall'estero"

Coronavirus, Zaia: "Nuova ordinanza per chi arriva dall'estero"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La situazione di oggi è sotto controllo e sostenibile, ma abbiamo un virus che arriva dall'estero".

Coronavirus, Zaia: "Nuova ordinanza per chi arriva dall'estero"
Coronavirus, Zaia: "Nuova ordinanza per chi arriva dall'estero"

 

Lo sottolinea Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, annunciando la firma di un'ordinanza che prevede che debbano sottoporsi a tampone tutti gli appartenenti alla categoria di "soggetti a rischio particolare". "L'ordinanza di oggi - spiega - che ha validità fino al 6 settembre, inquadra delle categorie a rischio, che definiamo 'soggetti a rischio particolare'. Stiamo parlando del controllo obbligatorio di persone provenienti da Paesi esteri". 

Per tutte queste persone è previsto il tampone al rientro in Italia, tamponi che Zaia sottolinea "sono tutti gratuiti". Le categorie interessate da quest'ordinanza sono le seguenti: operatori delle Rsa, operatori sanitari che prestano servizio presso strutture ospedaliere ed extra-ospedaliere, operatori che prestano assistenza domiciliare, ad esempio le badanti, lavoratori stagionali del settore agricolo, tutti i lavoratori che si sono recati all'estero per trasferte di lavoro, di durata fino alle 120 ore. 

Si aggiungono a queste persone anche quelle che nei 14 giorni precedenti hanno transitato o soggiornato in Bulgaria o Romania, gruppi target di popolazione, che rivestono un particolare interesse epidemiologico e gli ospiti stranieri e richiedenti asilo dei centri di accoglienza straordinaria. 

"Tutti gli appartenenti a queste categorie che hanno transitato o soggiornato all'estero nei 14 giorni precedenti, indipendentemente dalla durata o dalla motivazione del soggiorno all'estero, saranno sottoposti al tampone", aggiunge.  

"Per i soggetti invece che provengono da Paesi dove è prevista la quarantena, è prevista la quarantena e basta - specifica il presidente della Regione - Con questa ordinanza voglio ricordare che abbiamo dei soggetti che fanno ingresso o rientro in Veneto da Paesi che sono la Spagna, la Croazia, la Grecia e la Repubblica di Malta, per i quali imponiamo l'obbligo del tampone". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002