Clementi: "Covid ci ha colto impreparati" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Lun, Ott

Clementi: "Covid ci ha colto impreparati"

Clementi: "Covid ci ha colto impreparati"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"E' chiaro che un'emergenza come questa" di Covid-19 "vissuta a inizio anno ha trovato tutti, a tutti i livelli, impreparati. Impreparati nella gestione del rischio e nella gestione operativa anche banale.

Clementi:
Clementi: "Covid ci ha colto impreparati"

 

Qui forse la nostra capacità di interpretare le cose - soprattuto di noi italiani che abbiamo dovuto fare da rompighiaccio per gli altri - all'inizio ci ha aiutato un po'". A sottolinearlo è stato il virologo Massimo Clementi, professore di microbiologia e virologia all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, intervenuto al Meeting di Rimini, in uno spazio dedicato a 'Nuovi percorsi per ridurre il rischio clinico'.

Clementi ribadisce che un messaggio da lanciare è "l'importanza di fare squadra quando si affrontano problemi di rilevanza notevole, nel momento dell'emergenza". E poi si sofferma su uno strumento strategico, quello dei protocolli: "Quando ero giovane - racconta - mi è capitato di frequentare insieme ad altri colleghi ospedali universitari famosissimi allora" all'estero.

"Nel confronto qualitativo con i nostri migliori ospedali noi giovani laureati trovavamo che non ci fossero grosse differenze. Ma una cosa era evidentemente diversa: la presenza di protocolli per tutto, per aspetti importanti, ma anche per aspetti pratici di bassa rilevanza. Tanto che noi, non preparati a questa cosa, avevamo addirittura fatto qualche ironia su questa mania del protocollo. In realtà ci stava arrivando insegnamento importantissimo: senza disporre di un protocollo, di fronte a un problema qualsiasi devi improvvisare. Con un protocollo non improvvisi".

Nel tempo, dice Clementi, "questa cosa dei protocolli clinici e operativi è arrivata anche a noi e siamo stati più abituati, anche se le popolazioni mediterranee forse sono meno ricettive su questo aspetto".

Il virologo torna sull'importanza della sinergia e collaborazione per vincere la sfida contro Covid-19. "Porto la mia esperienza personale, quella della mia istituzione, l'ospedale San Raffaele di Milano: noi abbiamo pensato che, come una delle prime cose da fare, fosse importante creare una biobanca di campioni che raccontasse la storia naturale dei primi mesi dell'infezione clinica, la archiviasse e desse la possibilità di disporre di questi campioni sia per aspetti clinici che di approfondimento scientifico. E questa è un'esperienza che coinvolge tutti in ospedale, tutti devono contribuire a formarla. Ebbene è stato un banco di prova di questa trasversalità di comportamenti che ci deve essere".

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002