Report Covid: 77% dei focolai in famiglia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Report Covid: 77% dei focolai in famiglia

Report Covid: 77% dei focolai in famiglia

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In Italia sono complessivamente 3.805 i focolai di Covid-19 attivi, di cui 1.181 nuovi, con entrambi i dati in aumento per la decima settimana consecutiva: nella precedente settimana erano 3.266 quelli attivi di cui 909 nuovi.

Report Covid: 77% dei focolai in famiglia
Report Covid: 77% dei focolai in famiglia

 

Focolai che sono stati registrati nella quasi totalità delle province italiane (104 su 107), e che nella maggior parte dei casi (77,6%) continuano a verificarsi in ambito domiciliare. Continua invece a scendere la percentuale dei focolai rilevati nell'ambito di attività ricreative (4,1% vs 4,5% della settimana precedente). E' quanto risulta dal monitoraggio settimanale realizzato da Istituto superiore di sanità e ministero della Salute sull'andamento dell'epidemia in Italia. 

"La trasmissione locale del virus, diffusa su tutto il territorio nazionale, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti soprattutto segnalati in ambito domiciliare/familiare", spiegano gli esperti di Iss e ministero.  

Si registra inoltre "un lieve aumento" di focolai Covid-19 in cui la trasmissione potrebbe essere avvenuta in ambito scolastico. Rimane tuttavia complessivamente "una dinamica di trasmissione limitata, pari al 2,5% di tutti i nuovi i focolai in cui è stato segnalato il contesto di trasmissione".  

Il monito, ritenuto "essenziale" dagli esperti, resta quello di "mantenere l'attenzione sulle misure già introdotte per prevenire trasmissione intra-­scolastica, come lo screening, la rilevazione della temperatura giornaliera da parte delle famiglie e le procedure per la gestione di casi sospetti sintomatici in ambito scolastico", come si legge nel report.  

In generale, "rimane fondamentale - ribadiscono - mantenere un'elevata consapevolezza della popolazione generale circa il peggioramento ormai chiaro e più rapido della situazione epidemiologica e sull'importanza di continuare a rispettare in modo rigoroso tutte le misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione: lavaggio delle mani, uso delle mascherine e distanziamento fisico". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002