Covid Lombardia, "velocità contagio spaventa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Sab, Ott

Covid Lombardia, "velocità contagio spaventa"

Covid Lombardia, "velocità contagio spaventa"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Quello che ci spaventa non sono i numeri dei contagi, ma la velocità con la quale i numeri cambiano.

Covid Lombardia,
Covid Lombardia, "velocità contagio spaventa"

 

I numeri crescono molto rapidamente e questo ci deve portare a prendere rapidamente i provvedimenti del caso". Lo ha detto Antonio Pesenti, coordinatore dell'Unità di crisi della Lombardia per le terapie intensive, intervistato ad 'Agorà' su Rai 3 in merito alla situazione di Covid-19 nella regione. "La velocità ci sorprende. E' veramente molto alta", ha ribadito lasciando trasparire commozione.  

"Oggi i 125 posti di terapia intensiva a disposizione in Lombardia sono tutti occupati. E quindi in giornata apriremo nuovi letti", ha detto Pesenti. "La strategia che la Regione ha deciso - ha ricordato - è quella di aprire la Fiera, che ci porterà 150 posti i più. Progressivamente, perché è inutile avere 150 posti tutti insieme. Cominceremo ad aprine blocchi di 14 per volta. Apriremo entro qualche giorno. In Lombardia abbiamo una grande riserva di posti, possiamo arrivare a 1.400, ma speriamo, certo, di non dedicarli tutti ai Covid: esistono anche altri malati di cui la sanità deve occuparsi", ha precisato Pesenti, sottolineando la necessità di agire sul territorio per prevenire.  

"Quello che vediamo - ha osservato - è che molti pazienti hanno difficoltà a fare l'isolamento domiciliare. Ci sono persone che vivono in 6 in 40 metri quadri, in quei casi fare l'isolamento è molto difficile. Ci sono situazioni socioeconomiche fragili che vanno protette". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002