Campania, 22 ottobre, coprifuoco dalle 23 alle 5 - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Campania, 22 ottobre, coprifuoco dalle 23 alle 5

Campania, coprifuoco dalle 23 alle 5

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato l'ordinanza numero 83 con la quale viene disposto il "coprifuoco" dalle ore 23 alle ore 5 del giorno successivo, con decorrenza dal 23 ottobre e fino al 13 novembre "e comunque fino all'adozione di un prossimo Dpcm".

Campania, coprifuoco dalle 23 alle 5
Campania, coprifuoco dalle 23 alle 5

 

L'ordinanza prevede l'obbligo di chiusura di tutte le attività commerciali, sociali e ricreative dalle ore 23 alle ore 5 del giorno successivo. "Gli avventori degli esercizi di svolgimento delle attività indicate al primo periodo sono tenuti a rientrare al proprio domicilio, dimora o residenza entro le ore 23.30".

Dopo Lombardia e Lazio, anche la Campania - visti i numerosi contagi - ha deciso di ricorrere al coprifuoco.

Dalle 23 alle 5 inoltre "sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero motivi di salute". Nell'ordinanza si legge che "è sempre consentito il rientro al proprio domicilio, dimora o residenza dal luogo di lavoro". L'ordinanza numero 83 ribadisce quanto già contenuto in una precedente ordinanza regionale relativamente agli spostamenti fra province, e cioè che "per l'intero arco della giornata è fatto divieto di spostamenti dalla provincia di domicilio, dimora o residenza sul territorio regionale verso altre province della Campania".

Sono consentiti "limitatamente al diretto interessato nonché ad accompagnatore, ove necessario, esclusivamente spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, familiari, scolastiche, di formazione o socio-assistenziali ovvero situazioni di necessità o d’urgenza ovvero motivi di salute". E’ in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza dal luogo di lavoro.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002