AstraZeneca sospeso, Galli: "Stop fa danni, ritardo provoca morti" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Dom, Nov

AstraZeneca sospeso, Galli: "Stop fa danni, ritardo provoca morti"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Il vaccino AstraZeneca è sospeso e lo stop farà danni". Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco e dell'università Statale di Milano, oggi si esprime così ad Agorà dopo le news relative alla sospensione in Italia del vaccino covid AstraZeneca. Il farmaco è stato fermato dall'Aifa, l'agenzia nazionale del farmaco, a scopo precauzionale. Analoghi provvedimenti sono stati adottati in Germania, Francia, Spagna, Portogallo. L'Ema, l'agenzia europea del farmaco, si riunirà il 18 marzo per valutare la situazione.  

"Mi sembra di rivivere l’esperienza del 2014 quando fu ritirato un lotto di vaccino influenzale, il risultato fu che i 3 decessi attribuiti al vaccino si rivelarono assolutamente indipendenti. Il numero dei vaccinati over 65 calò drasticamente, scese dal 54% al 48%, il minimo nella storia recente, con un centinaio di morti in più per influenza. Mi vengono un po’ i brividi a ricordare tutto questo: va bene la prudenza, ma provvedimenti di questo tipo mettono la gente in apprensione", dice Galli. 

"Già il vaccino in questione è 'chiacchierato', tutto questo non gli farà per niente bene. Oltretutto la macchina vaccinale non è ancora oliata. Ho davanti agli occhi 2 o 3 dati: AstraZeneca riporta 14 trombosi profonde e 22 embolie polmonari su 17 milioni di vaccinazioni. Ogni giorno, in questo paese, ci sono 166 fenomeni di trombosi" a prescindere dalle vaccinazioni. "Una serie di eventi sono assolutamente attesi ogni giorno per la popolazione e sono legati a tutt’altre condizioni rispetto al vaccino. Noi dobbiamo vaccinare per evitare che la gente muoia di covid e questi stop fanno molto male", afferma ancora. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002