AstraZeneca, Galli: "Se questo vaccino non serve, si tolga" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Gio, Giu

AstraZeneca, Galli: "Se questo vaccino non serve, si tolga"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Si valuti se è necessario andare avanti con il vaccino AstraZeneca. Se non è così, si tolga in certe fasce d'età". Il professor Massimo Galli si esprime così, a Cartabianca, sul vaccino AstraZeneca. Il farmaco è tornato sotto i riflettori per il caso di trombosi che ha coinvolto a Genova una 18enne.

Alla giovane, in precedenza, era stato somministrato il vaccino.  

"Quanto è ancora indispensabile AstraZeneca per finire di mettere in sicurezza la popolazione? Non so, e non possono sapere con chiarezza, se i quantitativi previsti di questo vaccino sono indispensabili per chiudere l'operazione" di vaccinazione "e ridurre la circolazione del virus. Se questo si può ottenere con gli altri vaccini, farei a meno di dare" AstraZeneca "almeno alle giovani donne", dice Galli, responsabile di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano. "In ogni caso" il vaccino "si è attirato troppi patemi, a questo punto è anche una questione di qualità di vita e serenità delle persone. Si valuti se è necessario andare avanti con questo vaccino. Se non è così, si tolga in certe fasce d'età", dice. 

La scuola sta per chiudere il proprio anno, a settembre è auspicabile una ripresa 'normale. "I diritti non sono in discussione" ma "non è vero che non esiste il problema dell'infezione tra i bambini. La variante inglese non rispetta i bambini e li infetta, i numeri dimostrano un aumento dei casi. Siamo di fronte ad una realtà dinamica. Sono felice all'idea che la scuola sia aperta in presenza a settembre, anche per la serenità delle famiglie e non solo per l'educazione dei bambini. Ma forse bisognerà avere ancora qualche precauzione per identificare in maniera precoce eventuali focolai". Il quadro attuale dell'epidemia autorizza un certo ottimismo: "Credo sia legittimo tirare il sospiro di sollievo. I vaccinati cominciano ad essere un numero consistente che non ci toglie più nessuno. E' molto difficile che possano finire all'ospedale, in rianimazione o al cimitero. Questo è il grande vantaggio ottenuto con il vaccino". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002