Covid, "rischio terza ondata in Inghilterra" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Gio, Giu

Covid, "rischio terza ondata in Inghilterra"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I nuovi modelli epidemiologici presentati al governo evidenziano il rischio in Inghilterra di "una sostanziale terza ondata" di infezioni da coronavirus. E' quanto ha dichiarato il professor Neil Ferguson, dell'Imperial College di Londra, secondo il quale rinviare la nuova fase di 'sblocco' del Paese, prevista il 21 giugno, potrebbe avere

benefici in quanto molte altre persone saranno immunizzate per quella data. 

Secondo il professore, citato dal 'Telegraph', gli effetti delle eventuali ondate future di contagi dipenderanno da quanto efficaci si dimostreranno i vaccini nel prevenire ricoveri e decessi, in particolare di fronte alla cosiddetta variante indiana. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002