Zona bianca per altre 5 regioni e Trento - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Dom, Giu

Zona bianca per altre 5 regioni e Trento

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Trento in zona bianca da lunedì 14 giugno. La mappa dei colori dell’Italia sta dunque per cambiare ancora con regole e misure contro il covid più leggere per metà degli italiani. Lo fa sapere il ministro della Salute Roberto Speranza. "Finita questa conferenza

stampa tornerò al ministero della Salute e firmerò una nuova ordinanza, come ogni venerdì. E' un'ordinanza che ritengo importante perché porta in zona bianca una parte molto larga del nostro Paese, circa il 50% dei nostri concittadini". "Questa ordinanza prevedrà la zona bianca per le Regioni Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e per la Provincia autonoma di Trento. E' un segnale importante e incoraggiante che segnala come siamo sulla strada giusta, pur continuando io ad avere parole di prudenza", ha spiegato il ministro della Salute. 

In zona bianca ci sono già Sardegna, Molise, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto. 

"I buoni risultati ottenuti" contro il Covid "sono l'effetto di una campagna di vaccinazione che sta procedendo molto bene nel nostro Paese. Gli italiani stanno aderendo convintamente alla campagna e li ringrazio. Quasi uno su 2 ha ricevuto la prima dose, ma dobbiamo ancora accelerare", ha sottolineato Speranza aggiungendo che si riduce "la pressione" di Covid "sulle strutture sanitarie. Sia per quanto riguarda le terapie intensive sia per quanto riguarda l'area medica, abbiamo un tasso di occupazione dell'8%. Un tasso che si è abbassato notevolmente rispetto al pregresso, e che ci segnala la possibilità delle nostre strutture sanitarie di poter ricominciare a occuparsi delle loro funzione ordinarie. E credo che questo sia un dato molto rilevante e molto importante".  

Se nella zona gialla c'è ancora il coprifuoco dalle 24 alle 5, per chi si trova in fascia bianca il coprifuoco viene abolito immediatamente. Ciò vuol dire che non è più necessario rientrare a casa entro una certa ora: ci si può insomma spostare spostare senza limiti di orario. In questa zona i bar, i ristoranti e le altre attività di ristorazione sono aperti ed è possibile consumare cibi e bevande al loro interno, senza limiti orari. Sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio, che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti. Le nuove regole prevedono che in zona bianca all’aperto non ci siano limiti di persone ai tavoli (tra i quali deve esserci comunque il distanziamento di un metro), mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo massimo sei persone salvo che siano tutti conviventi. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002