Strage Ardea, "fratellini uccisi con un colpo ciascuno" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

Strage Ardea, "fratellini uccisi con un colpo ciascuno"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono stati raggiunti da un colpo ciascuno, uno al petto e uno alla gola, David e Daniel, i due fratelli di 5 e 10 anni uccisi domenica mattina da Andrea Pignani, il killer che si è poi barricato in casa e suicidato nella sua casa ad Ardea. E quanto emerge dalle autopsie effettuate sui corpi dei due fratellini oggi all’istituto di

medicina legale di Tor Vergata. 

Per la terza vittima uccisa da Pignani, il 74enne Salvatore Raineri, l’autopsia conferma la morte per un colpo di pistola alla testa.  

L’incarico per l’esame autoptico, presso l’istituto di medicina legale di Tor Vergata, è stato affidato dalla Procura di Velletri, che ha aperto un fascicolo al momento contro ignoti sul caso. L’autopsia sul corpo del killer invece si svolgerà giovedì: per Pignani si farà anche l’esame tossicologico. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002