Mascherine all'aperto, Sileri: "Via da primi luglio, non andrei oltre" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

Mascherine all'aperto, Sileri: "Via da primi luglio, non andrei oltre"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Lo stop all'obbligo delle mascherine all'aperto "si potrà fare quando avremo il 50% di popolazione vaccinata, quindi immagino i primi di luglio". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, ai microfoni di Radio anch’io su Rai Radio 1."Lasciamolo decidere al Comitato tecnico scientifico - ha affermato Sileri - ma

io personalmente non andrei oltre i primi di luglio. E non è una data ma è" un calcolo in base a "quanta popolazione abbiamo raggiunto con la vaccinazione. Già un mese e mezzo fa - ha ricordato il sottosegretario - dissi che raggiunto il 50% della popolazione con la prima dose di vaccino, almeno a tre settimane da quella soglia potremmo togliere la mascherina all'aperto purché non ci siano assembramenti". 

Per quanto riguarda il flop del vaccino tedesco CureVac, "complica i piani di tutti quelli che contavano su quei milioni di dosi, però noi avevamo fatto il programma con i vaccini che avevamo a disposizione, perché il CureVac non era ancora approvato".  

"Per il momento, con le dosi che abbiamo - ha sottolineato il sottosegretario - dovremmo proseguire con la vaccinazione e mantenere i tempi di una protezione di comunità per la fine dell'estate, massimo i primi giorni di autunno". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002