Musei, Gianni Letta (Civita): "Digitale per nuove fruizioni e valorizzazioni del patrimonio" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Lug

Musei, Gianni Letta (Civita): "Digitale per nuove fruizioni e valorizzazioni del patrimonio"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Tutti noi siamo stati costretti a rivedere le nostre abitudini e i nostri sistemi di vita durante l'isolamento forzato dovuto alla pandemia per il Covid; e tutti noi abbiamo scoperto i prodigi e le virtù del digitale e della connessione online, riconvertendoci a un nuovo modo di relazionarsi. Anche nel settore della cultura e dei musei,

ci possono essere nuove potenzialità e capacità di fruire e di valorizzare il nostro immenso patrimonio artistico". E' quanto sottolinea Gianni Letta, presidente dell'associazione Civita, intervenendo dalla sala Spadolini del Mic alla presentazione del nuovo Rapporto Civita, 'Next Generation Culture - Tecnologie digitali e linguaggi immersivi per nuovi pubblici della cultura', in collaborazione con Icom, con un focus particolare sui musei, alla presenza del ministro della Cultura, Dario Franceschini. 

"Il settore della cultura è il motore dello sviluppo per il nostro Paese e per l'Italia può essere la chiave di volta della ripresa e della rinascita - osserva Letta - Il futuro della cultura dopo la pandemia, le novità di questo mondo straordinario, il modo di valorizzare questo patrimonio culturale e artistico, sulla base delle esperienze fatte nel periodo dell'isolamento, grazie alle nuove tecnologie, servano a unire tradizione e storia con la capacità di anticipare i tempi. Il Rapporto Civita cerca di rispondere alle domande sulla fruizione dei musei e sullo sviluppo del digitale, con visite virtuali e nuove strade, per gli utenti e per le imprese che operano nel settore, in collaborazione fra pubblico e privato, nel passaggio di un'era". 

(di Enzo Bonaiuto) 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002