Green pass Italia, Palù: "Necessario avere seconda dose" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Green pass Italia, Palù: "Necessario avere seconda dose"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Il Green pass non è altro, come certificazione, una tutela per la salute individuale e di comunità. Potrebbe essere uno strumento utile, che aiuta chi esercita un’attività e chi ne fruisce. Riguardo le due dosi, soprattutto con le nuove varianti, tutti gli studi si stanno orientando che siano una valutazione

efficace per quanto concerne sia i parametri di ospedalizzazione che di Covid sintomatico, e addirittura di prevenzione della trasmissione: quindi è necessario avere due dosi di vaccino". Così a Timeline, su Sky TG24, il presidente dell’Aifa e membro del Cts Giorgio Palù.  

"Certamente quello che preoccupa sono i cinque milioni degli over 50 e i due milioni e 380 mila persone di over 60 che non sono ancora vaccinate, perché sono quelle a rischio di contrarre il virus ed avere conseguenze più serie", rimarca Palù. 

"Credo - aggiunge - che il generale Figliuolo abbia dimostrato come un esperto di logistica possa cambiare una situazione sul campo, e l’ha fatto in tempi rapidissimi. Abbiamo più di 60 milioni di dosi, ci stiamo avvicinando al 50% della popolazione vaccinata con due dosi, quindi trenta milioni, e se escludiamo circa i dieci milioni di under 12, che non si vaccinano, la copertura, il programma sta arrivando a quello che Figliuolo ci ha detto, cioè per la fine di settembre”. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002