Green pass, Sileri: "Su mezzi pubblici non credo sarà necessario" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Green pass, Sileri: "Su mezzi pubblici non credo sarà necessario"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Green pass per salire sui mezzi del trasporto pubblico locale (Tpl)? "La domanda che pongo è questa: è necessario? Io credo che non sarà necessario nel trasporto locale perché il numero delle vaccinazioni è tale che se raggiungiamo - e credo che lo raggiungeremo - quel 70-80% di vaccinati nella popolazione

vaccinabile, i rischi saranno minimi". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto a 'TimeLine' su Sky Tg24.  

"Continuando a mantenere la mascherina al chiuso o magari limitando l'utilizzo a coloro che portano la Ffp2, anziché quella chirurgica, non vedo particolari rischi. E' chiaro che serve un potenziamento" delle cautele "che diminuisce le chance" di contagio. "Nel caso in cui la campagna si fermasse per qualche ragione, o arrivasse una variante ulteriore che elude i vaccini, è chiaro che le cose devono cambiare e a quel punto sarà necessario un Green pass anche per il trasporto pubblico locale". Per quanto riguarda la fattibilità di una misura simile, "servirà un Qr code. Se mi si chiede se realisticamente questo sarà necessario io credo di no", ha ribadito il sottosegretario. 

"Il primo passo - ha continuato - è stato già fatto, che è l'introduzione del Green pass, con un'applicazione che parte dal 6 agosto. Poi, come prevedibile e di buon senso, si valuta l'andamento della progressione vaccinale" anti-Covid "che al momento è ancora sostenuta. E l'altra cosa che dobbiamo controllare è l'andamento dell'epidemia. Qualunque introduzione, estensione e progressione del Green pass deve essere proporzionata a quella che è la campagna vaccinale e dall'altra parte, a nostro eventuale svantaggio, si deve vedere se i numeri dell'epidemia continuano a crescere", ha spiegato parlando del fatto che fosse atteso a stretto giro un ulteriore decreto sul Green pass, che avrebbe dovuto affrontare il tema dei trasporti (navi, aerei, treni), insieme al nodo scuola. 

Intanto, ha evidenziato Sileri, "da qui si parte e si vede come si procede nei prossimi giorni". "Guardiamo al Regno Unito - ha aggiunto - anche noi verosimilmente avremo un aumento dei contagi e poi immagino che osserveremo quello che vede anche" la Gran Bretagna, "dove improvvisamente il numero di contagi è calato. Quindi la progressione nell'utilizzo del Green pass deve essere proporzionata all'andamento dell'epidemia" e dei vaccini, ha aggiunto Sileri. Per quanto riguarda questi ultimi, "abbiamo raggiunto un numero di prime dosi importante e la campagna di vaccinazione al momento va bene, l'andamento è ancora sostenuto sebbene siano un po' ridotte le prime dosi, e non per carenza di vaccini", che in alcune regioni "c'è, ma è francamente superabile e verrà superata". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002