Green pass, Speranza: "Strumento anti-restrizioni, già scaricati 41,3 mln" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Green pass, Speranza: "Strumento anti-restrizioni, già scaricati 41,3 mln"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il Green pass è un mezzo essenziale per la gestione di questa fase epidemica diversa, caratterizzata da una alta percentuale di vaccinati nel Paese. E' uno strumento importante per rendere più sicuri i luoghi dove esso è applicato e limitare le restrizioni". Così il ministro della Salute Roberto Speranza

rispondendo al Question time al Senato. "I numeri sono incoraggianti - ha aggiunto - questa mattina alle 7 sono stati scaricati 41,3 milioni di Green pass. Un dato significativo e una svolta digitale per il Paese".  

Il Green pass può essere scaricato tramite l'applicazione 'Io' ma "abbiamo rafforzato anche il call center che serve a questi fini e a breve sarà possibile, attraverso il sito la generazione automatica dell'autocode che renderà ancora più semplice la procedure. E' intenzione del Governo investire su questo strumento per la gestione di questa stagione epidemica", ha sottolineato Speranza . 

"In questo momento c'è già una norma vigente che prevede l'utilizzo del Green pass non solo per le Rsa ma anche per l'accesso ai reparti ospedalieri", ha quindi ricordato il ministro della Salute aggiungendo: "Sulla vicenda delle Rsa e dei reparti ospedalieri l'articolo 4 del decreto 105, approvato in Consiglio dei ministri giovedì, allarga la disposizioni che già avevo assunto l'8 maggio per le Rsa e che poi il Parlamento, in sede di conversione di un precedente provvedimento, estende anche ai reparti ospedalieri". E ha spiegato che "presso l'Agenas abbiamo costruito un gruppo di lavoro con le Regioni per monitorare che tutti rispettino questa indicazione. Questo gruppo ha la finalità di monitorare che questo diritto venga esercitato da tutti". 

"Anche nella fascia d'età 12-19 anni i numeri" della vaccinazioni anti-Covid "sono incoraggianti: nonostante questa vaccinazione sia iniziata molto tardi, il 30% delle persone vaccinabili in quella fascia d'età ha avuto la prima dose e il 15% anche la seconda dose", ha sottolineato Speranza. "Come noto l'Ema e l'Aifa hanno provveduto ad approvare" i vaccini anti-Covid anche per la fascia d'età tra 12-19, una scelta alla base della quale ci sono due "ragioni fondamentali: da una parte questa vaccinazione protegge chi riceve il vaccino, perché anche in questa fascia, purtroppo, ci sono casi di persone che contraggono il virus e ne derivano una situazione di gravità, come il caso della 11enne di Palermo che ha perso la vita. In più chi si vaccina non protegge solo se stesso ma aiuta la protezione di tutti gli altri e una vaccinazione dentro quella fascia generazione potrà favorire la riduzione della circolazione del virus", ha detto ancora il ministro. 

Sull'approvazione dei vaccini per i ragazzi, Speranza ha ricordato che "il Governo, come sempre ha fatto in questi mesi così difficili, ritiene che scelte di questa natura debbano avere un fondamento di evidenza scientifica e noi abbiamo fiducia nelle nostre istituzione internazionali, l'Ema da una parte e l'Aifa dall'altra. La nostra comunità scientifica nazionale ha espresso una opinione di favore rispetto a questa vaccinazione, l'ha fatto il nostro Cts, il presidente dell'Iss, il presidente dell'Aifa stessa. Anche la società italiana di pediatria con un'espressione di natura formale ha raccomandato questa vaccinazione". 

"Noi siamo al lavoro per costruire modalità che ci consentano una ripresa e una ripartenza in presenza e in sicurezza" della scuola "questo è l'obiettivo del Governo. Il nostro ministro dell'Istruzione ha aperto un confronto con le parti sociali, con i sindacati, con tutte le variegate rappresentanze del mondo della scuola, c'è una discussione aperta con le Regioni, sicuramente non farà mancare una iniziativa molto forte anche su questo tema per raggiungere un obiettivo che reputiamo strategico", ha affermato Speranza. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002