Attacco hacker Regione Lazio, l'esperto Ghioni: "Ma quale terrorismo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Attacco hacker Regione Lazio, l'esperto Ghioni: "Ma quale terrorismo"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quello contro la Regione Lazio "è un atto di hackeraggio, ma non c'è alcuna azione terroristica dietro, alcun interesse geopolitico, né alcun desiderio di sabotare le istituzioni. Non c'entrano i No Vax né il Covid. Può capitare a chiunque e la polizia postale conosce perfettamente questo fenomeno.

Probabilmente la disattenzione di un dipendente ha causato tutto ciò, ma non possono dirlo e stanno strumentalizzando l'accaduto". Lo dice all'Adnkronos Fabio Ghioni, esperto a livello mondiale in sicurezza e tecnologie non convenzionali, consulente strategico per diversi organismi governativi e internazionali, commentando l'attacco hacker ai danni del portale della Regione per la prenotazione dei vaccini anti Covid. 

"Si tratta - continua Ghioni - di un ransomware, un malware che dal 2007 usano degli hacker dal Marocco, dalla Tunisia, dall'Algeria con richiesta di denaro. Dal 2015 i riscatti vengono chiesti in bitcoin. Questo virus cripta i contenuti del pc e non ha chiave di sblocco: anche chi paga non può poi più sbloccare nulla. Alle aziende e agli utenti che mi scrivono - a decine ogni giorno - perché gli hanno bloccato i computer, consiglio di dotarsi di un backup a 24 ore. Questi attacchi succedono continuamente ogni giorno, solo che non lo dicono". 

Ma come si inseriscono questi virus nei computer? "Un dipendente di un'azienda, di un'ente o di un ministero, navigando per esempio su un sito porno o d'azzardo, clicca involontariamente su un popup con dentro il malware e il gioco è fatto. Inoltre, è possibile installarlo involontariamente anche scaricando un programma gratuito da dei siti oppure cliccando su un link ricevuto per posta da una mail che sembra essere quella di un amico o della propria banca ma in realtà è uno spam. I dipendenti pubblici dovrebbero fare un corso per non andare in certi siti e per sapersi comportare sul web", conclude ironicamente Ghioni. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002