Venetico ricorda Viviana e Gioele, il marito: "Vogliamo la verità" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Sab, Set

Venetico ricorda Viviana e Gioele, il marito: "Vogliamo la verità"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Questa sera siamo qui per dire che vogliamo verità e giustizia perché quello che ha detto la Procura per noi non esiste". Sono le parole di Daniele Mondello, il marito della deejay Viviana Parisi e padre del piccolo Gioele di 4 anni, morti un anno fa Caronia (Messina). Per l'anniversario della scomparsa di Viviana e del bimbo,

poi ritrovati separatamente a distanza di giorni, Daniele Mondello, ha organizzato alla Villa comunale di Venetico una manifestazione per ricordare la deejay e il bimbo. Nei giorni scorsi, la Procura di Patti, guidata da Angelo Vittorio Cavallo ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta. Secondo i magistrati la donna avrebbe prima ucciso il figlio e poi si sarebbe tolta la vita lanciandosi da un traliccio, dove è stata rinvenuta la sera dell'8 agosto, cinque giorni dopo la sua scomparsa.  

Sul palco decine di palloncini bianchi con un pallone dorato e uno rosso al centro con le fotografie di Gioele e Viviana. Decine i cittadini che venuti a rendere omaggio alla donna e al bambino. "Sono molto felice che tanta gente mi sia vicino - dice parlando con i giornalisti- Anche dai social ho ricevuto messaggi da tutta Italia. Dopo un periodo di chiusura sono entrato in studio e finalmente ci sono riuscito, ho fatto una melodia e pian piano ho creato il disco per Viviana e Gioele con un mio amico". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002