Green pass, smart working e Pa: il piano di Brunetta - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Lun, Dic

Green pass, smart working e Pa: il piano di Brunetta

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Da gennaio ogni amministrazione potrà fare tutto lo smart working che vuole", afferma il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta a 24 Mattino su Radio 24, sottolineando: "Le condizioni: contratto, piattaforma, organizzazione e soddisfazione cittadini”. “Sto contrattualizzando questa forma di lavoro,

da vecchio socialista quale sono, perché nel mondo del lavoro vedo prima il contratto e la contrattazione - ha detto - Si fa il lavoro da remoto? Benissimo ci sia un contratto che dia le regole. Lo stanno definendo per il pubblico impiego all’Aran che è l’agenzia contrattuale, entro un mese un mese e mezzo ci sarà il contratto".  

"Stiamo implementando le piattaforme tecnologiche, perché non si può fare smart working con il telefonino o con il computer di casa, anche perché ci vuole la sicurezza, vedi altrimenti la vicenda della Regione Lazio, e ci vuole l’organizzazione del lavoro, perché se non si organizza il lavoro in funzione del lavoro da remoto, come si fa a misurare la qualità, la produttività, il raggiungimento degli obiettivi? - ha continuato il ministro - E ci vuole pure un’altra cosa: la valutazione del customer satisfaction, della soddisfazione dei cittadini e delle imprese. Contratto, piattaforma, organizzazione del lavoro: tutto questo ci sarà nei prossimi mesi e da gennaio, sulla base di piani opportunamente predisposti, ogni amministrazione potrà fare tutto lo smart working che vuole a condizione che ci sia appunto, il contratto, la piattaforma e l’organizzazione specifica finalizzata al lavoro da remoto e che ci sia la soddisfazione dei cittadini”.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002