Covid, Pregliasco: "Da noi situazione migliore di Gb? Presto per dirlo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Gio, Ott

Covid, Pregliasco: "Da noi situazione migliore di Gb? Presto per dirlo"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Contagi covid-19, "è ancora presto" per dire che in Italia le cose vanno meglio che nel Regno Unito. Nonostante i casi giornalieri registrati oltremanica si attestino da giorni intorno ai 30mila con un tasso di mortalità a tre cifre e da noi i contagi siano dieci volte meno, con un numero di morti che oggi supera di 2 unità

i 50, il virologo Fabrizio Pregliasco frena gli entusiasmi. 

"Quando ci saranno gli sbalzi termici - dice il docente della Statale di Milano all'Adnkronos Salute - quando il lavoro in presenza prenderà più piede, quando sarà passato un po' di tempo dall'apertura delle scuole, lì si giocherà il destino di un'invernata", ammonisce. "Ogni nazione - spiega l'esperto - ha una sua curva con tempistiche diverse, non è un'onda sincrona nel mondo. E poi - rileva - a incidere sono state sicuramente anche differenze rispetto ad alcune modalità che non è facile andare a individuare esattamente. Noi - ipotizza il virologo - potremmo anche non essere così capaci di andare a individuare gli asintomatici". E comunque, afferma "siamo ancora su valori alti, non è che si stanno abbassando". 

Insomma se i contagi e decessi sono ancora contenuti il motivo è da rintracciare nelle restrizioni. "Io credo - dice Pregliasco - che la nostra scelta precauzionale con più chiusure ha fatto sì che siamo riusciti a tenere un po' più bassa la diffusione del virus. Abbiamo avuto delle azioni di mitigazioni più efficaci. Gli inglesi - ricorda - hanno aperto prima, sono stati più temerari. Ed è chiaro che, ancora adesso, ogni contatto interumano rappresenta una probabilità di infezione e quindi più contatti ci sono" più contagi puoi avere. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002