Generali, Sapelli: "Vedo di buon occhio volontà di ridimensionare strapotere manager" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Generali, Sapelli: "Vedo di buon occhio volontà di ridimensionare strapotere manager"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

''Io vedo di buon occhio la decisione di arginare lo strapotere dei manager di Generali da parte di alcuni azionisti''. L'economista Giulio Sapelli, lo spiega all'Adnkronos, in merito al patto tra gli azionisti Caltagirone e Del Vecchio. ''Ci sono due momenti uno negativo e uno positivo - spiega Sapelli - nei rapporti di potere azionario, che

sono positivi per le alleanze, che secondo le regole le maggioranze si devono affrontare in assemblea. Ma di questo potere informale se ne parla allegramente anche se si tratta di una società quotata in Borsa''. 

''Mi pare sia in atto un'offensiva dei soci industriali che vogliono diminuire le asimmetrie informative che i top manager anno rispetto agli azionisti -aggiunge Sapelli-. Diminuire il potere del manager è un processo in corso in tutto il mondo. Io vedo con favore arginare lo strapotere dei manager da parte degli azionisti. Certo Mediobanca esercita il suo strapotere, più cala il suo prestigio più lei aumenta il suo potere. Donnet ha fatto bene, ma ci vuole più innovazione''. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002