Vaccino covid, "superata quota 85% per prime dosi": il report - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mar, Nov

Vaccino covid, "superata quota 85% per prime dosi": il report

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono circa 46 milioni le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti-covid, un numero pari all’85,26% della platea vaccinabile, costituita dagli over 12. I vaccinati completi (con due dosi) sono invece 43,64 milioni, pari a circa l’81% della platea. Il numero totale di somministrazioni, secondo l’aggiornamento

di stamattina, ha superato 87 milioni. È quanto fa sapere la struttura commissariale all'emergenza coronavirus, guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo, riferendo i dati dell'ultimo aggiornamento del report vaccini anti-Covid. 

Sono quasi otto milioni (7.958.368) gli italiani che non si sono ancora vaccinati. In particolare non si sono sottoposti ancora a prima dose 224.640 over 80, 473.590 nella fascia 70-79, 810.226 nella fascia 60-69, 1.360.210 nella fascia 50-59, 1.609.189 40-49enni, 1.281.312 30-39enni, 832.765 nella fascia 20-29 e 1.366.436 nella fascia 12-19. 

In ambito europeo l’Italia si pone ben al di sopra della media Ue, davanti a Francia e Germania per numero di somministrazioni e vaccinati totali in proporzione alla popolazione, sottolinea la struttura commissariale. 

Per quanto riguarda le prime dosi, è positivo il trend registrato nel corso degli ultimi giorni: ieri sono state registrate 73.296 inoculazioni, con un incremento di oltre il 34% rispetto all’inizio della settimana.  

Secondo il report settimanale vaccini in pubblicazione oggi, le percentuali di prime dosi/dosi uniche per fasce di età sono rispettivamente pari a 12-19 anni 70,47%, 20-29 anni 86,15%, 30-39 anni 81,14%, 40-49 anni 81,69%, 50-59 anni 85,91%, 60-69 anni: 89,27%, 70-79 anni 92,13%, over 80 95,08%. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002