Imma Romano (Codere Italia): donne più penalizzate da pandemia' - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mar, Nov

Imma Romano (Codere Italia): donne più penalizzate da pandemia'

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Abbiamo visto come la pandemia ha messo in ginocchio il mondo intero, ma è obbligatorio sottolineare che le più penalizzate sono state ancora una volta le donne”. Lo afferma Imma Romano - Direttore Relazioni Istituzionali di Codere Italia, presentando la nuova edizione di “Innamòrati di te” in

programma venerdì 22 ottobre alle 16 sul canale youtube https://www.youtube.com/watch?v=3_yZgRpKS50 della multinazionale spagnola che da anni opera in Italia nel settore del gioco legale. 

A confrontarsi sull’argomento ci saranno: Rosaria Avisani di Fidapa – Federazione Italiana Donne Arti Professione Affari, Angela Di Salvo Commissario Divisione Anticrimine Questura Roma (Polizia di Stato), Maria Antonietta Labianca Avvocato penalista cassazionista, socia e coordinatrice delle Associazioni “La Forza delle Donne” e “Futuro Forense”, Paolo Vincenzoni Colonnello dei Carabinieri, Comandante del Reparto Crimini Violenti del Ros. Modera la giornalista televisiva Cecilia Leo.  

“Tra didattica a distanza, assistenza ai genitori anziani e lavoro da remoto le donne hanno dovuto affrontare una mole di difficoltà e di stress enorme. Se a questo aggiungiamo poi la triste piaga della violenza di genere, diventa urgente un ripensamento del ruolo della donna e una rivalutazione del suo ruolo nella società, affinché le sia definitivamente riconosciuta una valenza e una dignità che vanno ben oltre quella dell’angelo del focolare. Una società in cui le donne sono parte attiva nell’ambito decisionale raggiunge risultati qualitativamente e quantitativamente migliori di quelle in cui è il testosterone a governare”. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002