Pagamenti: nasce ‘Flowe junior’, la carta di debito per i giovanissimi - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mar, Nov

Pagamenti: nasce ‘Flowe junior’, la carta di debito per i giovanissimi

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“La digitalizzazione ha reso il denaro immateriale, amplificando la possibilità di perdere di vista l'effettivo consumo delle proprie risorse. È per questo motivo che abbiamo ideato la Flowe Junior, una carta prepagata sicura, controllata, digitale e attenta alla sostenibilità, utilizzabile dai ragazzi da 12 a 18

anni”. Così Ivan Mazzoleni, Ad di Flowe, ha presentato la nuova carta di debito in occasione di un incontro al Phyd hub, a Milano, e dedicato all’educazione finanziaria dei più giovani e al loro rapporto con la tecnologia.  

Una carta di debito collegata all’app Flowe e accessibile in doppia modalità: dai figli, con un’interfaccia essenziale, limitata alle sole funzionalità disponibili e un limguaggio informale, adatto ai più piccoli; e poi dai genitori, con la possibilità di impostare limiti, blocchi e sistemi automatici di trasferimento del denaro, oltre a offrire la possibilità di monitorare e controllare come e quando viene utilizzata la carta dal figlio.  

“Bambini e ragazzi possono così acquisire una progressiva autonomia nei loro acquisti e risparmi - ha scritto Flowe nella nota di presentazione - sviluppando man mano nuove competenze finanziarie, ma sotto attento monitoraggio da parte di mamme e papà, che stabiliscono i limiti delle operazioni, controllano in tempo reale i flussi economici e possono proteggere i propri figli da rischi esterni o cattiva gestione del denaro”. 

Ai ragazzi vengono offerti attraverso l’app contenuti video differenziati a seconda dell’età, possibilità di costruire obiettivi di risparmio (affinché imparino a ragionare guardando al futuro), categorizzazione e analisi delle spese in versione light (di più semplice comprensione per loro rispetto ai report completi forniti ai genitori), liste di compiti da svolgere e accesso all’app tramite pin virtuale personale. 

“Educare i giovani ad accrescere la coscienza delle proprie risorse, non solo economiche, è essenziale - ha concluso Mazzoleni - l’educazione finanziaria dovrebbe essere un tema prioritario dell’agenda politica perché essere consapevoli delle proprie finanze permette una scelta matura”.  

 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002