Obbligo vaccinale, Locatelli: "Sì se ci fossero gli estremi" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Obbligo vaccinale, Locatelli: "Sì se ci fossero gli estremi"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sui vaccini anti Covid "si è partiti con una strategia di convincimento e di persuasione, che ha fatto largamente breccia e ha permeato la coscienza di tanti cittadini. Qualora ve ne fossero le indicazioni e gli estremi si potrebbe arrivare anche a considerare l'obbligo". Così il presidente del Consiglio superiore di Sanità

e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Franco Locatelli, ospite di 'Che tempo che fa' su Raitre.  

Quanto alla situazione Covid in Italia, "i numeri dicono che non abbiamo pagato un prezzo alle riaperture" ha detto il presidente del Consiglio superiore di Sanità.  

"La situazione italiana è largamente più favorevole rispetto a quella in Gran Bretagna e in Germania in termini di circolazione virale. Ma tutto questo non è accaduto per caso - ha sottolineato - ma è il frutto di una percentuale più alta di soggetti vaccinati e anche perché c'è stata gradualità nelle riaperture. E poi il mantenimento delle misure non farmacologiche, le mascherine, il lavaggio delle mani, il distanziamento". 

Parlando poi dell'immunizzazione dei più piccoli, "non ci sono timori per il vaccino ai bambini tra 5 e 12 anni- ha spiegato - Nel giorno in cui Pfizer ha dato annuncio di un'efficacia del vaccino al 91% la Fda ha detto chiaramente che i benefici derivanti dall'immunizzazione superano chiaramente qualsiasi potenziale rischio".  

Riguardo al vaccino Johnson&Johnson, "ha ottenuto l'approvazione da parte delle agenzie regolatorie per una somministrazione monodose - ha ricordato - E' di queste ore la notizia che è in corso da parte di Fda, e successivamente anche da parte di Ema, la valutazione della possibilità di somministrare una seconda dose con un vaccino a mRna, che avrebbe anche il vantaggio di generare una risposta immunologica migliore".  

Locatelli ha fatto "un appello a vaccinarsi. E' vero che siamo all'86% di persone coperte con una dose, e all'82% con due dosi, e nella fascia sopra 70 anni andiamo addirittura sopra al 90%. Ma le persone che mancano devono imparare a volersi bene perché vaccinarsi significa volersi bene e soprattutto volere bene agli altri".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002