Vaccino 5-11 anni, Crisanti: "Avrei aspettato ancora a decidere" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Vaccino 5-11 anni, Crisanti: "Avrei aspettato ancora a decidere"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Avrei aspettato ancora a decidere" sul vaccino anti-Covid per i bambini di 5-11 anni. E' la posizione ribadita all'Adnkronos Salute dal virologo Andrea Crisanti, nel giorno in cui l'Agenzia europea del farmaco Ema ha raccomandato con il suo comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) l'estensione d'uso del vaccino anti-Covid di

Pfizer/BioNTech in questa fascia d'età. Ieri era stata l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a esprimersi con una dichiarazione provvisoria che, pur riconoscendo sicurezza ed efficacia del vaccino ai bimbi e un rapporto rischi-benefici favorevole, aveva puntualizzato come in questa fase immunizzare i piccoli sia meno urgente e prioritario rispetto a coprire fragili e anziani, e alzare le coperture nei Paesi poveri.  

"Io non ne faccio una questione di priorità - dice invece Crisanti - Sono convinto, e lo ripeto, che non ci siano problemi a vaccinare i bambini. Solo, non credo che i dati a disposizione siano sufficienti per giustificare questa decisione. Avrei aspettato un po'. Lo studio in questione riguarda 3mila bambini". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002