Scannapieco: "Cdp sarà complementare al mercato" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Scannapieco: "Cdp sarà complementare al mercato"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Sostenibilità, addizionalità e sussidiarietà rispetto al mercato, strategie, policy e impatto sono i principi-chiave del Piano Strategico" approvato da Cassa Depositi e Prestiti. Lo afferma l’AD di Cdp Dario Scannapieco nella nota che accompagna la diffusione del nuovo Piano. "Il punto di partenza - aggiunge -

è l’osservazione delle sfide urgenti che l’Italia ha di fronte a sé. Cassa risponderà con un approccio complementare rispetto al mercato, indirizzando le risorse verso le priorità dell’Italia e puntando a raggiungere effetti positivi per imprese, pubbliche amministrazioni e famiglie”.  

Il piano industriale di Cdp "si interseca in alcuni casi con il pnrr; il piano è come una onda che sollevi tutte le barche e le faccia salire" in superficie. Scannapieco ha citato un discorso di John Kennedy del 1964. "Cdp metterà a disposizione le proprie competenze per mettere a terra i progetti" spiega annunciando la creazione di una task force che risponde all'Ad. 

"Ci piacerebbe, per valorizzare la nostra partecipazione in Euronext, aiutare più imprese a quotarsi. Oggi abbiamo un numero di quotate, soprattutto sul listino principale, molto basso. Vogliamo sfruttare questa opportunità per aiutare e dare suggerimenti al governo per snellire le procedure di quotazione e fare in modo che il mercato azionario diventi una fonte alternativa".  

"A volte sui giornali si legge 'Cdp ovvero la cassaforte dello stato'. Così si dà l'idea di qualcosa pesante e inerte, invece noi vogliamo sviluppare la parte della testa, pensare bene".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002