Variante sudafricana, Crisanti: "Se è già qui servirà tolleranza zero"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Dom, Gen

Variante sudafricana, Crisanti: "Se è già qui servirà tolleranza zero"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Per vedere se in Italia la nuova variante sudafricana si è già manifestata, penso che la cosa più importante da fare ora è un campionamento approfondito. E se si è manifestata bisogna confinarla con tolleranza zero. Con quali misure? Dipende dalla gravità della situazione, perché se questa

variante è resistente al vaccino non è che ci si può scherzare". A spiegarlo all'Adnkronos Salute è il virologo Andrea Crisanti. Il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova premette: "Siamo un una fase di osservazione e il panico è prematuro. Prima i dati".  

"Se questa variante è resistente al vaccino - ipotizza - e se viene identificata in qualche area del Paese bisogna sigillare tutto, fare una specie di zona rossa, e confinarla. Non è che ci sono alternative. Ma poi questa cosa alla fine ha solo un effetto palliativo, perché prima o poi la variante arriva. E la cosa più importante è sempre sviluppare un vaccino che sia in grado di intercettarla", arginarla. "Potrebbe essere dunque necessario riaggiornare i nostri vaccini attuali. E sicuramente fare un lockdown dove questa variante si dovesse presentare ha un unico effetto: quello di guadagnare tempo, mentre si aspettano vaccini". 

Il blocco dei voli? "Blocchiamoli pure, ma non credo che questo abbia mai fermato qualcuno, lo dico sinceramente. E tra le altre cose non sappiamo neanche se questa variante è già in mezzo a noi".  

Di varianti di Sars-CoV-2, osserva Crisanti, "se ne rilevano in continuazione e sicuramente ogni tanto qualche variante emerge perché ha delle caratteristiche di trasmissibilità più elevata rispetto ad altre. In Sudafrica la situazione è complicata dal fatto che lì c'è effettivamente un numero importante di persone vaccinate e quindi non sappiamo se questa variante è emersa perché più trasmissibile della Delta, oppure perché è in grado di infettare anche le persone vaccinate. E' una variante che ha tantissime mutazioni e sicuramente questo è un elemento di preoccupazione maggiore".  

Ovviamente, conclude il virologo, "stiamo parlando al momento solo di ipotesi. Bisogna cercare di capire prima se questa variante è suscettibile o meno ai vaccini, se è resistente o no. Siamo un una fase di osservazione e se sarà confermato che resiste ai vaccini bisogna che le aziende aggiornino immediatamente la loro composizione e che i Paesi mettano in campo misure che attenuino l'impatto della variante per 4-5 mesi, il tempo di aggiornare e distribuire i nuovi" prodotti scudo. "Ma misure di contenimento bisognerà metterle in campo nel caso di alta virulenza e di una variante in grado di superare i vaccini".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002