Variante Omicron, Ecdc: "Al 46% in 21 Paesi Ue"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Giu

Variante Omicron, Ecdc: "Al 46% in 21 Paesi Ue"

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Variante Omicron al 46% in Europa. Lo riporta l’Ecdc, agenzia Ue con sede a Stoccolma, nel suo aggiornamento periodico sulla Covid-19, pubblicato poco fa. I ventuno Paesi dell’Ue e dello Spazio economico europeo che hanno fatto attività di sequenziamento del Sars-CoV-2 in quantità apprezzabile, nel periodo compreso

tra il 20 dicembre 2021 e il 2 gennaio 2022 hanno riportato una prevalenza della variante Omicron del 46,4%, raddoppiata rispetto al periodo di riferimento precedente, si legge. Ci sono ancora evidenze "limitate", ricorda l’agenzia, che la gravità della malattia provocata da Omicron sia inferiore a quella associata alla variante Delta, e "studi preliminari" indicano che gli attuali vaccini "potrebbero essere meno efficaci contro il contagio da Omicron, anche se continuano a dare protezione contro l’ospedalizzazione e la malattia grave".  

L’Ecdc avverte poi che "considerata la crescita esponenziale di Omicron e l’elevato numero di casi, qualsiasi potenziale beneficio derivante da una minore gravità" dei sintomi associati ad Omicron "sarà di breve durata e superato dal gran numero di esiti gravi nel tempo". La variante Omicron è stata identificata, al 13 gennaio, in tutti i Paesi dell’Ue e del See. La situazione epidemiologica è "preoccupante" o "molto preoccupante" in 28 Paesi dell’Ue e del See, a causa della diffusione della variante identificata per la prima volta in Sudafrica. Mentre il tasso di notifica dei casi positivi è stato nella prima settimana del 2022 pari a 2.008 per 100mila abitanti (con una forchetta da 227,6 a 5.572, a seconda dei Paesi), in crescita da tre settimane, quello dei decessi è stato di 49,2 per milione di abitanti (forchetta da 10,2 a 142,7), stabile da sette settimane. Una tendenza in aumento dei decessi è stata registrata in 9 Paesi. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002